we are suppliers of:
Offerte quantità circoli e scuole Logo FSI - Federazione Scacchistica Italiana Logo International Chess Federation

Paul Morphy: una prospettiva moderna

Beim Valeri

Nella sua brevissima carriera il giovane genio di New Orleans venne universalmente riconosciuto come il più grande scacchista del mondo. Philidor si era mostrato un secolo avanti rispetto ai suoi contemporanei, Staunton analizzava con più precisione di tutti, Anderssen e Buckle avevano un’impareggiabile maestria nel costruire posizioni d’attacco, ma nessuno possedeva quella scintilla di puro genio che sembrava permeare le partite del ‘fenomeno americano’.

Used News

€ [[ prod.prezzo_intero ]] € [[ prod.prezzo_applicato ]]

[[ sconto ]]
Item not available
Are you interested in this article? Contact us
Other variants:
Product options:


Description
Nel 1857 un giovane di belle maniere e di gentile aspetto irruppe sulla scena sbaragliando il fior fiore dello scacchismo mondiale con brillanti combinazioni che sembravano scaturire dal nulla. Nella sua brevissima carriera il giovane genio di New Orleans venne universalmente riconosciuto come il più grande scacchista del mondo. Philidor si era mostrato un secolo avanti rispetto ai suoi contemporanei, Staunton analizzava con più precisione di tutti, Anderssen e Buckle avevano un’impareggiabile maestria nel costruire posizioni d’attacco, ma nessuno possedeva quella scintilla di puro genio che sembrava permeare le partite del ‘fenomeno americano’.

In questa sua piacevole ma rigorosa opera l’autore entra in profondità nel gioco di Morphy per capire cosa lo rese così speciale. Esamina le sue partite, note e meno note, da una diversa prospettiva, mettendole sotto il microscopio delle conoscenze odierne, e la sua ricerca lo porta a concludere che giudicare Morphy un ‘alieno’, come spesso si fa, è inesatto oltre che fuorviante, perché le sue partite sono profondamente meditate e incredibilmente articolate. L’immagine che ne scaturisce è quella di un Morphy più reale, oltre che più complesso.

“Un gran libro, adatto a giocatori di qualsiasi livello”. John Watson

Valeri Beim, formatosi scacchisticamente a Odessa, oggi parte dell’Ucraina, sotto la guida del leggendario Efim Geller, è rimasto a lungo sconosciuto in Occidente, non avendo potuto per molti anni lasciare l’Unione Sovietica. Emigrato successivamente in Israele e quindi in Austria, ha rapidamente ottenuto ottimi risultati sia come giocatore, conquistando il titolo di Grande Maestro, sia come teorico e allenatore. Ha pubblicato diversi libri, tutti accolti con grande interesse da critica e pubblico; questo è il secondo edito dalla Prisma.


Information
  • Casa editrice Prisma
  • Code 5868
  • Anno 2008
  • Pagine p. 256
  • Isbn 9788872641149

You may also like:

Share