we are suppliers of:
Offerte quantità circoli e scuole Logo FSI - Federazione Scacchistica Italiana Logo International Chess Federation

Il Mediogioco negli Scacchi

Znosko-Borovsky Eugene

Finalmente in italiano un testo di grande valore, su cui si sono formate in tutto il mondo tante generazioni di scacchisti.

Used News

€ [[ prod.prezzo_intero ]] € [[ prod.prezzo_applicato ]]

[[ sconto ]]
Item not available
Are you interested in this article? Contact us
Other variants:
Product options:


Description
Seguendo alcune osservazioni generali sulle idee e la strategia negli scacchi, l`autore dapprima introduce il suo soggetto esaminando la fase tra l`apertura e il mediogioco, e la fase tra il mediogioco e il finale. Quindi passa al mediogioco vero e proprio e delucida i suoi tre possibili tipi di posizioni: posizioni superiori, posizioni inferiori, e posizioni pari. Qui mostra come sfruttare un vantaggio, recuperare dall`inferiorità, rompere l`equilibrio, e contrattaccare. Nel corso del libro i concetti base del mediogioco vengono presentati sistematicamente e logicamente. Allo stesso tempo, ogni idea significativa è illustrata da esempi scelti dalla pratica dei grandi maestri, includendo partite di Alekhine, Capablanca, Lasker, Reshevsky, Botvinnik, Marshall, Pillsbury, e altri giocatori di primo piano.

EUGENE ALEXANDROVICH ZNOSKO-BOROVSKY (Pavlosvki, 28/8/1884 - Parigi, 31/12/1954)
Campione di Pietroburgo nella sua giovinezza (19 anni), si classificò sesto a pari merito con Lowtski nel torneo di Kiev (1903), precedendo tra gli altri Schiffers, Rabinovic, Duz-Chotimirskij e altri nove maestri. Si piazzò sempre onorevolmente nei tornei panrussi. Durante la rivoluzione sovietica emigrò in Francia per non tornare più in patria. Fu 3° nel torneo di Pietroburgo del 1906, conquistando il titolo di maestro; 3° a Weston s.M. nel 1924; 1° ex-aequo a Stratford-on-Avon nel 1925 e ad Edimburgo 1926: 3° a Nizza nel 1930, e in quello stesso anno 1° nel torneo di Parigi, davanti a Gromer, Lilienthal, Tartakower e altri, fra i quali il pittore Duchamp: 1° a Folkestone 1933. Ha pareggiato un match con Capablanca nel 1913, mentre un match con Gibaud, tre volte campione di Francia, svoltosi a Parigi nel 1941, terminò con una sua netta vittoria (+7, =1, -2). Vanta vittorie contro tutti i giocatori più importanti del suo periodo, da Speelman a Blackburne a Rubinstein, fino a Capablanca, Euwe e Bogoljubow, oltre a pareggi con Alekhine, Marshall e altri. Dai suoi risultati emerge sicuramente la forza di un Grande Maestro. Conferenziere e scrittore elegante, lasciò pubblicazioni in lingua russa, tedesca, francese ed inglese.

``Nell`insegnamento degli scacchi può vantarsi di non avere nessuno superiore a lui``
Philip W. Sergeant

``E` pressoché l`unico libro in materia che ritengo meritevole di essere letto``
José Raul Capablanca

Information
  • Casa editrice E.d.C.
  • Code 3858
  • Pagine p. 160
  • Anno 1999

Share