we are suppliers of:
Offerte quantità circoli e scuole Logo FSI - Federazione Scacchistica Italiana Logo International Chess Federation

La strategia nel finale

Shereshevskij Mikhail I.

Quest’opera affronta lo studio del finale non dal punto di vista sistematico, ma da quello pratico. Ogni capitolo è dedicato a un importante «principio generale» del finale, cosicché il lettore non si trova di fronte alle classiche ripartizioni sistematiche, ma viene guidato a ragionare sulla base di concetti di più ampio respiro, in modo da recepire una visione concreta, pratica e di utilità immediata. L’autore, inoltre, non dimentica di esaminare anche gli aspetti «psicologici» del trattamento dei finali, rendendoci partecipi di principi all’apparenza bizzarri, ma in realtà logici e soprattutto utili.

Used News

€ [[ prod.prezzo_intero ]] € [[ prod.prezzo_applicato ]]

[[ sconto ]]
Item not available
Are you interested in this article? Contact us
Other variants:
Product options:


Description

Quest’opera affronta lo studio del finale non dal punto di vista sistematico, ma da quello pratico. Ogni capitolo è dedicato a un importante «principio generale» del finale, cosicché il lettore non si trova di fronte alle classiche ripartizioni sistematiche, ma viene guidato a ragionare sulla base di concetti di più ampio respiro, in modo da recepire una visione concreta, pratica e di utilità immediata. L’autore, inoltre, non dimentica di esaminare anche gli aspetti «psicologici» del trattamento dei finali, rendendoci partecipi di principi all’apparenza bizzarri, ma in realtà logici e soprattutto utili.

L’accurata scelta degli esempi – classici e moderni – e il commento, sempre attento a richiamare l’attenzione del lettore più sui concetti di portata generale che sulle specifiche varianti, rendono estremamente istruttiva, ma anche assai scorrevole e gradevole, la semplice lettura del testo. Mikhail I. Shereshevskij è uno dei migliori allenatori sovietici e uno dei più forti giocatori della Bielorussia. Per gli alti meriti sportivi, nel 1971 l’Unione Sovietica gli ha riconosciuto l’ambito titolo di Maestro onorario dello sport. Nel 1975 fece da secondo a Mark Dvoretskij in occasione del XLIII Campionato russo. Fu proprio questo contatto ravvicinato a porre le basi teoriche che gli avrebbero permesso, dopo cinque anni, di arrivare alla stesura di questo testo considerato il suo capolavoro.


Information
  • Casa editrice Mursia
  • Code 2069
  • Anno nuova edizione 2017
  • Pagine p. 225
  • Isbn 9788842558743

Share