we are suppliers of:
Offerte quantità circoli e scuole Logo FSI - Federazione Scacchistica Italiana Logo International Chess Federation

Il buon senso negli scacchi

Lasker Emanuel

Il buon senso negli scacchi – sintesi di una serie di lezioni per un pubblico di scacchisti londinesi – è stato scritto da Lasker nel 1895, l’anno successivo alla conquista del titolo mondiale contro Wilhelm Steinitz, e rappresenta il punto di partenza di quella filosofia della lotta che, introducendo la componente psicologica nell’equazione del confronto scacchistico, è stata una delle più grandi rivoluzioni concettuali nella storia del gioco.


Used News

€ [[ prod.prezzo_intero ]] € [[ prod.prezzo_applicato ]]

[[ sconto ]]
Item not available
Are you interested in this article? Contact us
Other variants:
Product options:


Description

Gli scacchi, come la vita, seguono un principio di semplicità, economia e armonia. Migliorare nel gioco degli scacchi non vuol dire affidarsi a soluzioni prestabilite, ma trattare la posizione alla scacchiera come ogni altro tipo di lotta della nostra quotidianità: con buon senso, linearità di pensiero e «ragionevoli dosi di scetticismo e scrupolosità nella verifica».

Nella primavera del 1895, il campione mondiale di scacchi in carica Emanuel Lasker ha tenuto una serie di conferenze a Londra per giocatori di club e di livello intermedio.

Nello stesso anno ha raccolto questo materiale e lo ha trascritto in un manoscritto da pubblicare, mantenendolo informale, come era il tono colloquiale delle lezioni. Il risultato è stato Il buon senso negli scacchi, a lungo considerato come un classico sia durante la vita di Lasker sia per le generazioni successive. 


Con la prefazione di Federico Cenci.


Information
  • Casa editrice Cliquot
  • Code 7021
  • Pagine p. 144
  • Anno 2016
  • Isbn 9788899729073

Share