we are suppliers of:
Offerte quantità circoli e scuole Logo FSI - Federazione Scacchistica Italiana Logo International Chess Federation

Il Mediogioco negli Scacchi - 2a mano

Znosko-Borovsky Eugene

Finalmente in italiano un testo di grande valore, su cui si sono formate in tutto il mondo tante generazioni di scacchisti. Libro di seconda mano come nuovo.


Used News

€ [[ prod.prezzo_intero ]] € [[ prod.prezzo_applicato ]]

[[ sconto ]]
Item not available
Are you interested in this article? Contact us
Other variants:
Product options:


Description

Seguendo alcune osservazioni generali sulle idee e la strategia negli scacchi, l`autore dapprima introduce il suo soggetto esaminando la fase tra l`apertura e il mediogioco, e la fase tra il mediogioco e il finale. Quindi passa al mediogioco vero e proprio e delucida i suoi tre possibili tipi di posizioni: posizioni superiori, posizioni inferiori, e posizioni pari. Qui mostra come sfruttare un vantaggio, recuperare dall`inferiorità, rompere l`equilibrio, e contrattaccare. Nel corso del libro i concetti base del mediogioco vengono presentati sistematicamente e logicamente. Allo stesso tempo, ogni idea significativa è illustrata da esempi scelti dalla pratica dei grandi maestri, includendo partite di Alekhine, Capablanca, Lasker, Reshevsky, Botvinnik, Marshall, Pillsbury, e altri giocatori di primo piano.

EUGENE ALEXANDROVICH ZNOSKO-BOROVSKY (Pavlosvki, 28/8/1884 - Parigi, 31/12/1954)
Campione di Pietroburgo nella sua giovinezza (19 anni), si classificò sesto a pari merito con Lowtski nel torneo di Kiev (1903), precedendo tra gli altri Schiffers, Rabinovic, Duz-Chotimirskij e altri nove maestri. Si piazzò sempre onorevolmente nei tornei panrussi. Durante la rivoluzione sovietica emigrò in Francia per non tornare più in patria. Fu 3° nel torneo di Pietroburgo del 1906, conquistando il titolo di maestro; 3° a Weston s.M. nel 1924; 1° ex-aequo a Stratford-on-Avon nel 1925 e ad Edimburgo 1926: 3° a Nizza nel 1930, e in quello stesso anno 1° nel torneo di Parigi, davanti a Gromer, Lilienthal, Tartakower e altri, fra i quali il pittore Duchamp: 1° a Folkestone 1933. Ha pareggiato un match con Capablanca nel 1913, mentre un match con Gibaud, tre volte campione di Francia, svoltosi a Parigi nel 1941, terminò con una sua netta vittoria (+7, =1, -2). Vanta vittorie contro tutti i giocatori più importanti del suo periodo, da Speelman a Blackburne a Rubinstein, fino a Capablanca, Euwe e Bogoljubow, oltre a pareggi con Alekhine, Marshall e altri. Dai suoi risultati emerge sicuramente la forza di un Grande Maestro. Conferenziere e scrittore elegante, lasciò pubblicazioni in lingua russa, tedesca, francese ed inglese.

``Nell`insegnamento degli scacchi può vantarsi di non avere nessuno superiore a lui``
Philip W. Sergeant

``E` pressoché l`unico libro in materia che ritengo meritevole di essere letto``
José Raul Capablanca


Information
  • Casa editrice Edizioni del Coordinamento
  • Code 3858us
  • Anno 1999
  • Pagine p. 160

Share