fornitore di
 
Cart
0,00 €

Il mondo e gli scacchi di Anatolij Karpov - 2a mano

Used

Il mondo e gli scacchi di Anatolij Karpov - 2a mano Zoom

Recensisci per primo questo articolo

Libro di seconda mano come nuovo.
La collana si articola per capitoli incentrati su un aspetto specifico della vita del campione di turno e comprendenti diverse, approfondite voci. In questo caso gli eventi agonistici più significativi della carriera di Karpov, dettagliati riferimenti agli avversari che nel bene e nel male hanno più contato per lui, una puntuale ricostruzione della sua vita...
25,00 €
  • Disponibilità: 
  • In Stock

Informazioni Aggiuntive

CODICE PRODOTTO 5870us
Autore Linder Isaak, Linder Vladimir
Anno 2008
Pagine p. 384
Editore Prisma
Referenza Cod.5870us - Libro di seconda mano come nuovo
ISBN 9788872641163

2a mano come nuovo

L’appassionante storia degli scacchi raccontata dalla coppia di eminenti studiosi russi Isaak e Vladimir Linder, padre e figlio, in una collana ‘enciclopedica’ dedicata ai leggendari campioni del mondo fino a Kramnik. In ogni volume della collana ‘il mondo e gli scacchi di’, un resoconto dettagliato della vita e delle vicende umane ed agonistiche del campione di turno, il tutto corredato dalle partite che hanno segnato la sua carriera, da tabelle, risultati e fotografie spesso inedite.

La collana si articola per capitoli incentrati su un aspetto specifico della vita del campione di turno e comprendenti diverse, approfondite voci. In questo caso gli eventi agonistici più significativi della carriera di Karpov, dettagliati riferimenti agli avversari che nel bene e nel male hanno più contato per lui, una puntuale ricostruzione della sua vita in una prospettiva comprendente famiglia d’origine, infanzia, personalità in fieri, studi, luoghi che hanno segnato maggiormente la sua carriera, dalle Filippine alla Germania, Italia, Olanda, Spagna.

Una nuova avvincente collana
DA 1500 ANNI GLI SCACCHI suscitano entusiasmo e ammirazione, particolarmente da quando il lento ritmo dello shatranj medievale è stato soppiantato nel Rinascimento da uno stile di gioco più impetuoso, spesso ricco di piani arditi e di geniali combinazioni. Una delle protagoniste di questo nuovo modo di intendere gli scacchi è stata l’Italia, che all’inizio del XVII secolo ha dato al mondo Gioacchino Greco, fondatore del romanticismo scacchistico.
Nel XVIII secolo sono seguiti illustri cantori della bellezza scacchistica come Del Rio, Lolli e Ponziani e infine, nel XIX secolo, Serafino Dubois. In seguito tutti i più forti giocatori hanno avvertito l’influenza del romanticismo italiano.
Un’influenza analoga l’hanno esercitata i 14 campioni del mondo che si sono succeduti dal 1886 al 2006. Essi e i loro diretti antagonisti sono i protagonisti della nostra enciclopedia in 14 volumi che la Prisma Editori si accinge a pubblicare. Confidiamo nella benevola accoglienza dei lettori italiani, il cui interesse abbiamo avuto la fortuna di osservare da vicino nel 1981 a Merano durante il match per il Campionato del mondo tra Karpov e Korcnoj e al 9° Congresso del Chess Collector International di Firenze 2000. Ci siamo così resi conto come nel Bel Paese gli scacchi esercitano un grande fascino e sono ancora recepiti come una manifestazione della sfera artistica.
Tale appassionato atteggiamento nei confronti dell’illustre passato degli scacchi lo abbiamo avvertito anche nella lunga corrispondenza che ci ha legati ad un grande storico nonché autore di uno dei migliori dizionari scacchistici che esistano al mondo, Adriano Chicco.
E poi dai contatti e dagli incontri che abbiamo avuto con Gianfelice Ferlito, Alessandro Sanvito, Adolivio Capece, Antonio Rosino, Franco Pratesi, Milli e Rodolfo Pozzi, Filippo Minieri e molti altri esponenti della cultura scacchistica italiana. L’augurio è che il nostro lavoro contribuisca ad avvicinare ancora di più la cultura scacchistica russa e quella italiana, a farci comprendere sempre meglio che gens una sumus.
Infine desideriamo esprimere la nostra gratitudine all’Editore italiano per avere assunto l’iniziativa e l’onere di pubblicare la presente collana e al dott. Fabio Molin per averne curato la traduzione in lingua italiana.

Isaak e Vladimir Linder